Archive for 28 maggio 2009

“Ecco dove costruire l’ospedale”

28 maggio 2009

pubblicato dal Corriere Adriatico, giovedì 28 maggio

Nuova struttura, Cascino tira diritto e propone varie soluzioni.

PESARO – Proposte concrete per non parlare di una fantasanità futuribile e invertire la mobilità passiva anche ragionando in termini di area vasta con la vicina Rimini. Questo l’impegno del candidato sindaco Cascino che, dopo il turismo, continua la collaudata serie di conferenze tematiche. Questa volta, in tema di sanità, affiancato dal chirurgo del San Salvatore, Remo Giacchi, candidato Pdl in consiglio comunale.
A introdurre, intanto Cascino. “Ben venga l’abbattimento dei tempi d’attesa col Cup regionale e l’inaugurazione del Dea. Per il diritto di cura dobbiamo in tutti i modi battagliare”. Poi, paragonato il “multipalazzinato” San Salvatore a “una cattedrale gotica di Gaudì”, l’argomento caldo di un nuovo ospedale. “Abbiamo una struttura obsoleta a cui va rimesso mano, a prescindere dall’integrazione in area vasta. Una scelta politica decidere dove ubicar la nuova”. Tra le proposte, diverse possibili soluzioni. La prima, la caserma Paolini, antistante al vecchio edificio e a questo collegata mediante sottopasso. La seconda, un insediamento in zona Muraglia, con la prospettiva di una viabilità migliorata dal recente annuncio di circonvallazione. Oppure, lo sfruttamento dell’area comunale nelle vicinanze dell’uscita autostradale, già identificata all’uso in precedenti progetti. Infine, una chiosa venata di speranza, con l’allusione ad un cambio di potere al palazzo delle Marche: “Mi auguro un salto in Regione che renda più proficuo il dialogo”.
Dal canto suo, neanche a Remo Giacchi difettano le idee pratiche, seppur introdotte da premesse onnivalenti come “la rifondazione del concetto di etica in sanità”, nel dispiegare “l’indirizzo di politica sanitaria di cui Cascino mi ha dato investitura”. Intanto, un “tutor sanitario, come figura che accompagni gli utenti deboli nei percorsi ospedalieri, attingendo a volontariato ed ex dipendenti”. Quindi, “l’affiancamento del medico di base al paziente ricoverato, con un accordo tra azienda ospedaliera e ordine dei medici che garantisca più informazioni al personale e tranquillità al degente. Breve excursus tecnico su “percorsi endoaziendali articolati”, illustrati nell’esempio di “problemi vascolari risolti in una sola mandata, non in 20 volte”. Quindi, “un volontariato autonomo, a cui però non manchi mai la sponda istituzionale”. E infine, ottimo il lavoro sull’oncologica, un’assistenza domiciliare ad anziani e disabili. “Perché il sindaco è primo responsabile della salute dei cittadini e non è che la Regione decide e lui avvalla”.

“La nostra battaglia per la Cappella”

28 maggio 2009

pubblicato dal Corriere Adriatico, giovedì 28 maggio

PESARO – Sempre un intervento del candidato sindaco Cascino, sempre il tema dell’azienda ospedaliera pesarese, ma questa volta si parla di restauri ed opere ecclesiali. Torna in auge il problema della cappella all’ospedale di Pesaro. Su cui rincara felicemente anche Anna Guerra, candidata alle elezioni provinciali per la lista “Italia Centro”, che propone Fabrizio Dini alla presidenza della Provincia di Pesaro-Urbino. Sollevato da tempo come uno dei nodi da risolvere, ora con piacere Anna Guerra riscontra consensi su questa battaglia di cui si dichiara portavoce fin dalle prime ore.

“Il nostro percorso non si ferma al voto”

28 maggio 2009

pubblicato dal Corriere Adriatico, giovedì 28 maggio

Morsiani presenta lista e programma.

PESARO – Espressione tanto corale di lista civica che, dall’avvocato Bruno Barbieri a Giuliana Baciocchi, quasi stentano a lasciargli la parola, Renato Morsiani ha presentato ieri programma e candidati di quello che fu fondato come circolo “Piazza del Popolo” che ora raccontano esser stato costretto a “una nascita di necessità” come lista civica in appena tre giorni a causa di “un’opposizione di centrodestra più interessata alle poltrone che agli interessi della città”. Rimarcando spesso i concetti dello slogan “rinnovamento e alternanza”, inneggiato dal volantino, Morsiani, impegnandosi nella promessa di “un percorso che continuerà anche dopo le elezioni”, ha spiegato: “Veniamo da un pensiero costruito in anni di lavoro, nuove sono le persone. Non siamo contro qualcuno, ma abbiamo il dovere civico di dire la nostra e se ciclicamente, ogni 5 anni, si torna ad elencare le medesime problematiche, vuol dire che nulla o poco si è fatto per risolverle. Poniamo il seme per una nuova coscienza politica, svincolata dalla logica partitica. Noi siamo una lista trasversale, non di centro destra. E ad un eventuale ballottaggio, faremo valere il nostro programma. Intanto in provincia appoggiamo Bresciani, senza gettar fango addosso ai Liberi per Pesaro, perché i cittadini sanno come sono andate le cose”.

Sclerosi multipla, esperti e medici a confronto

28 maggio 2009

pubblicato dal Corriere Adriatico, giovedì 28 maggio

L’Aism celebra con una serie di iniziative la giornata mondiale dedicata alla patologia.

logo_aismPESARO – “Con la sclerosi multipla non si muore, ma senza assistenza non si vive”. Ricorda questa citazione la presidente della sezione provinciale dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Anna Maria Di Pasquale, in occasione della giornata mondiale di sensibilizzazione, la prima, che si è celebrata ieri e che ha inaugurato una settimana di iniziative a livello nazionale e quindi anche locale. Una malattia cronica, invalidante e imprevedibile. Colpite più di 58mila persone, in prevalenza tra i 20-30 anni e donne in proporzione doppia rispetto agli uomini. Ciò che è stato fatto, molto, è nel campo della ricerca scientifica, studi che hanno permesso ad oggi di rallentarne il decorso e alleviarne i sintomi. Un’azione intrapresa con determinazione dall’Aism e dalla sua ormai decennale Fondazione. “Dal 1986 ad oggi – spiega ancora la presidente – abbiamo investito nei progetti di eccellenza dei giovani scienziati per un totale di 20 miliardi di vecchie lire e 13 milioni e mezzo di euro. Vale a dire che il 75% della ricerca lo abbiamo finanziato noi dell’Aism, non tramite fondi statali o altro, ma con soldi raccolti da eventi di piazza”. Un impegno che a Roma è stato ribadito ieri nel convegno alla Camera dei Deputati, con la consegna di un premio da parte di Rita Levi Montalcini ad un giovane ricercatore e l’annuncio che verrà inoltre inaugurato un complesso di appartamenti a Porretta Terme per “una vacanza autonoma senza barriere architettoniche”. A Pesaro, il tema sarà invece dibattuto venerdì dalle 14.30, grazie all’intervento di numerosi medici ed esperti, all’incontro locale “Convivendo con la sclerosi multipla”, presso l’Alexander Museum Palace Hotel.