Impianto di via Toscana. Tiviroli: “Lavori finiti”

pubblicato dal Corriere Adriatico, martedì 19 maggio

marchemultiserviziPESARO – Doppia soddisfazione, nelle parole dell’amministratore delegato Marche Multiservizi, Mauro Tiviroli, per la conclusione degli interventi nella zona di via Toscana con il nuovo impianto di pompaggio delle acque bianche e il collegamento delle acque nere al depuratore di Borgheria. Un lavoro che è costato all’azienda un investimento in solitaria per circa 1 milione e 200 mila euro.
Tempi rispettati
“Innanzitutto siamo orgogliosi di queste azioni, avvenute nel rispetto dei tempi indicati, poiché si tratta di realizzazioni a natura tecnologica avanzata. Una risposta anche a venire alle problematiche derivate dagli andamenti climatici moderni di natura monsonica con piogge di grande entità, per tutta quest’area industriale e artigianale che da oggi potrà dormire sonni tranquilli. In secondo luogo, questa non si prospetta come una soluzione tampone ma come una risoluzione duratura per la zona ed è una dimostrazione del know e della competenza aziendale anche al servizio dell’ambiente, che permette di ridurre l’inquinamento del Foglia e in conseguenza favorisce la balneazione pesarese”.
Come funziona
Con un pompaggio di 223 metri quadri al minuto, e quindi circa 13 mila metri quadri orari, l’impianto sarò del tutto automatizzato (personale è previsto solo per interventi manutentivi) con un proprio generatore di energia, anti black-out. Mentre al vaglio di Marche Multiservizi ora c’è già il secondo lotto di Villa San Martino per quanto riguarda il progetto di completamento che collegherà la zona al depuratore di Borgheria, “rimanendo sempre agli accordi con Enti e Aato, come soggetto regolatore”.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: