Archive for 14 maggio 2009

Una circolare tra Pesaro, Fano e Urbino

14 maggio 2009

pubblicato dal Corriere Adriatico, giovedì 14 maggio

Il grande sogno di Adriabus che intanto ha rinnovato il parco mezzi con gli Euro5 e informa meglio i clienti. Monitoraggio sperimentalesui tempi di percorrenza. Telecamere contro i bulli e abbonamenti per studenti.

PESARO – In cantiere, l’idea di una grande circolare Pesaro-Fano-Urbino. In dirittura d’arrivo, altre importanti novità. “L’Adriabus – sostiene il presidente, Maurizio Mazzoli – sta puntando sempre più sulla continua implementazione dei servizi, dal rinnovo del parco mezzi alla più chiara comunicazione di orari e possibilità di collegamento”.
Un indirizzo, questo dell’azienda a capitale pubblico e privato, che ha trovato il beneplacito dell’assessore ai trasporti delle Marche, Pietro Marcolini.
Citando lo stanziamento di un budget complessivo regionale di 25 milioni di euro per la mobilità urbana ed extra-urbana dei territori, di cui “un quarto arriverà per pertinenza alla provincia di Pesaro-Urbino”, Marcolini ha affermato: “Per necessità e per virtù, aumenta la domanda di trasporto pubblico locale e, quanto sta facendo Adriabus nel pesarese, è sicuramente offrire una risposta adeguata ai crescenti bisogni dei cittadini in materia. Sono stupito dalla novità, ma certo non mi meraviglia affatto che sia Pesaro a partire con la georeferenziazione degli autobus, dove tutto arriva sempre prima”.
È così che il direttore generale di Adriabus, Massimo Benedetti, ha potuto introdurre l’avvio della fase sperimentale di monitoraggio sui tempi di percorrenza degli autobus. Inizialmente partirà la città di Pesaro per due sole linee, la Circolare Destra e l’Anulare Sinistra; poi seguiranno a ruota le altre linee e le altre città. Sono già state predisposte una decina di paline digitali alle fermate (al momento, 3 a Pesaro e 3 a Fano, 1 a Urbino e 1 alla Morciola) che informeranno gli utenti circa i minuti di attesa all’arrivo del mezzo. “Come da tempo avviene nelle grandi città”, chiosa soddisfatto Benedetti.
Acquistati 7 nuovi autobus che fanno del proprio marchio Euro5 un vanto in materia di ecocompatibilità, è atteso un incremento di altrettanti mezzi entro fine anno. E, dopo l’aggiornamento di collegamenti e orari, è giunta anche una nuova veste grafica per i depliants delle tratte extraurbane. Una battaglia navale di lettere e numeri per l’individuazione del proprio percorso sulla mappa colorata delle oltre 57 linee, con indicazioni su coincidenze, tariffe e luoghi di interesse toccati nel giro. Al momento in diffusione ridotta gli orari ancora invernali, dai primi del prossimo mese saranno distribuiti gli estivi in vigore dall’11 giugno. E presto arriveranno a destino anche i tascabili informativi sulle tratte urbane.
Mentre da un lato l’azienda annuncia significative azioni di controllo sui titoli di viaggio, secondo uno scadenzario d’ispezioni reso noto (alla stregua degli appostamenti autovelox) sul sito Adriabus a partire dal 22 maggio, si prospetta a bordo anche l’installazione di telecamere di videosorveglianza e trasmissione immagini. Ma se per i bulli i giorni son contati, ne hanno molti di che girare in lungo e in largo, gli studenti in regola con l’abbonamento scolastico 2008/2009 che potranno viaggiare, con un’integrazione di 20 euro, per tutta la Regione Marche sino al 31 agosto.
Intanto, venerdì è stato indetto lo sciopero nazionale da parte del sindacato Sdl e potranno quindi esserci disagi nelle fasce orarie che vanno dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20.00 a fine servizio. Resteranno comunque rispettate fasce di garanzia e servizi minimi. Informazioni utili chiamando il call-center Adriabus, dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20, al numero verde 800.664332 da rete fissa oppure 0722.376738 da rete mobile.

“No alle liste dei rancorosi”

14 maggio 2009

PESARO – Si è presenta Sinistra per Pesaro certa di trovare spazi oltre il Pd. “Stiamo lavorando alla costruzione di un nuovo soggetto politico a sinistra del Partito Democratico, con l’ambizione di riunire volti e idee diverse. Ancora crediamo all’esperienza unitaria della Lista Arcobaleno, ma sono i singoli congresso di partito ad aver portato ad altre strade. Dal canto nostro, puntiamo all’unità delle sinistre”. Parola di Lara Ricciatti, che nell’informale e suggestiva cornice del “Bibe et Impera” sul lungomare di viale Trieste, martedì nel tardo pomeriggio, ha presentato programma e nomi di “Sinistra per Pesaro”. Alle europee in “Sinistra e libertà”, in Provincia con Socialisti e Verdi, mentre in Comune – spiegano – come “Sinistra Democratica e tanta tanta sinistra diffusa”. Nel simbolo, già in sintesi le cinque parole chiave su cui muovere: ambiente, lavoro, integrazione, laicità e giustizia. La capolista, 18 anni compiuti in aprile, e tra le file dei papabili – sottolineano con orgoglio – anche un ragazzo di colore e il presidente dell’ArcyGay, Pietro Dini, che preannuncia un sit-in domenica per la giornata mondiale contro l’omofobia. Ricordando le battaglie in consiglio provinciale (dalla Vallugola al parto domiciliare), Claudio Mari non ha risparmiato commenti alle “liste dei rancorosi” (Sebastiani e Mascioni) e “ai giocatori d’azzardo” di centrodestra scomparsi dal consiglio quando non hanno vinto la poltrona a sindaco (Lucarelli e Zanotti). Invocando il voto utile, “Noi spostiamo a sinistra l’asse del centrosinistra”.